Marketing virale

viral marketingIl Viral marketing, la pubblicità virale, il buzz marketing, sono parole d'ordine, ormai anche troppo inflazionate, che fanno riferimento a tecniche di marketing che, utilizzando pre-esistenti social network, puntano al rafforzamento della brand awareness, cioè il grado di conoscenza e apprezzamento di un marchio, oppure al raggiungimento di altri obiettivi, come la vendita di prodotti, attraverso processi analoghi alla diffusione di un virus. Il Marketing virale per questa ragione può assumere la forma di clip video, interattività locale o remota, Flash games, advergames, ebooks, brandable software, immagini, messaggi di testo, etc.

Per realizzare piani di marketing virale di successo si devono sfruttare al meglio tre variabili:

  • Messaggeri con alto potenziale di networking sociale. Tre tipi specifici di messaggeri sono tenuti a garantire la trasformazione di un messaggio ordinario in uno virale: i primi, gli esperti di mercato, sono gli individui che hanno sempre il polso delle situazioni (specialisti dell'informazioni), sono tra i primi ad arrivare e a distribuire il messaggio; i secondi, i networking sociali, sono persone con un numero particolarmente elevato di connessioni sociali, tanto da avere la capacità di servire come connettori o ponti tra diverse sottoculture; i terzi, i venditori, che amplificano e rendono più pertinente e persuasivo il messaggio virale;
  • Messaggio. Solo i messaggi memorabili e sufficientemente interessanti da essere trasmessi agli altri hanno il potenziale per stimolare un fenomeno di marketing virale. Spesso è solo una questione di piccoli ma fondamentali ritocchi;
  • Ambiente. L'ambiente è fondamentale per l'ascesa del viral marketing di successo; allo stesso modo i tempi e il contesto del lancio della campagna devono essere quelli giusti perchè l'attività di marketing interagisce sempre con l'ambiente che lo circonda.

Tra le varie possibilità utilizzabili nel marketing virale abbiamo:

  • Partecipazione del cliente e servizi di polling (partecipazione degli utenti);
  • Motori di ricerca e blog;
  • Integrazione mobile/smartphone;
  • Forme multiple di marketing diretto e stampa;
  • Servizi di outbound/inbound da call center;
  • Search engine optimization (SEO);
  • Interconnessione di mezzi di comunicazione sociale;
  • Televisione e radio.

Condividi su: